Il Circolo dei lettori della Dozza in Salaborsa Lab

@Salaborsa Lab Roberto Ruffilli, Vicolo Bolognetti 2 - 40125 Bologna
26 marzo 2024, dalle 17:30 alle 19:00
copertina di Il Circolo dei lettori della Dozza in Salaborsa Lab

Gruppo di lettura di studenti e studentesse di Filologia Classica e Italianistica con i detenuti della Casa Circondariale Dozza

Le pene non possono consistere in trattamenti contrari al senso di umanità e devono tendere alla rieducazione del condannato

Art. 27 della Costituzione italiana

Nato come percorso di formazione per i detenuti iscritti all'Università, il Circolo di lettura della Dozza è il gruppo di lettura degli studenti e dei docenti del Dipartimento di Filologia Classica e Italianistica dell'Università di Bologna con i detenuti della Casa Circondariale Dozza.

L'iniziativa nasce con l'intento di avvicinare gli studenti universitari alla realtà carceraria e vuole adesso creare un ponte tra il Circolo dei lettori attivato all'interno del carcere Dozza e un circolo di lettori, esterno e parallelo, in Biblioteca Salaborsa Lab con cittadini interessati a condividere le proprie riflessioni con i lettori che hanno potuto discutere dei libri con i detenuti oppure entrando direttamente in carcere. 

Gli incontri, coordinati dagli studenti universitari, vedranno il coinvolgimento in carcere di autori e curatori delle opere.

 

Calendario degli incontri

  • 26 settembre Paola Italia (Università degli studi di Bologna) e gli studenti universitari del Circolo dei lettori della Dozza che presenteranno il programma degli incontri, le caratteristiche e le regole del gruppo di lettura della Dozza
  • 31 ottobre Alberto Ravasio, La vita sessuale di Guglielmo Sputacchiera
  • 28 novembre Michela Matteoli, Il talento del cervello. 10 lezioni facili di neuroscienze
  • 19 dicembre (in Biblioteca Salaborsa, Sala conferenze) David Foster Wallace, Una cosa divertente che non farò mai più, traduzione di Gabriella D'Angelo e Francesco Piccolo
  • 30 gennaio 2024 Milo De Angelis, De rerum natura di Lucrezio
  • 27 febbraio Sacha Guitry, Memorie di un baro, traduzione di Davide Tortorella
  • 26 marzo Gioacchino Criaco, Il custode delle parole
  • 30 aprile Primo Levi, Storie naturali
  • 28 maggio Édouard Louis, Metodo per diventare un altro, traduzione di Annalisa Romani
  • 25 giugno Maria Grazia Calandrone, Dove non mi hai portata