Eventi / Do ut do - “La morale dei singoli”

  • >
Mostre

Do ut do - “La morale dei singoli”

“Pensare che possano esistere dei raggruppamenti d’arte sotto forma etica, basati sulla morale dei singoli, è una cosa molto interessante e inedita, una cosa che non esisteva… Un unicum”
(Alessandro Mendini)

La morale dei singoli è il tema ideato da Alessandro Mendini per la biennale di do ut do 2018-2019, padrino di questa quarta edizione insieme a Philip Rylands. Il tema scelto pone l’accento sulla “rivoluzione” etica che può essere innescata dalla responsabilità individuale e dalle azioni di ognuno di noi, dando prova del potere che il singolo ha quando si mette in connessione con gli altri, generando una sensibilità collettiva responsabile nei confronti della propria comunità. L’edizione biennale 2018-2019 di do ut do rappresenta quindi l’occasione per riflettere – a partire dall’arte – sul modello di una gestione della responsabilità sociale capace di raccogliere la sensibilità individuale per realizzare obiettivi comuni, condivisi e misurabili.

Do ut do è una biennale nata nel 2012 con lo scopo di raccogliere fondi a sostegno della Fondazione Hospice MT. Chiantore Seràgnoli. Nome coniato da Alessandro Bergonzoni, do ut do - letteralmente “dare per dare” -, propone e organizza mostre ed eventi dedicati all’arte, all’architettura, al design e alle eccellenze nell’ambito della cultura per riflettere su un tema legato alla contemporaneità, coinvolgendo artisti, istituzioni, gallerie, imprese e collezionisti. Con un importante atto di condivisione, gli artisti possono partecipare alla biennale con una propria opera per realizzare una collezione unica che farà parte di una mostra itinerante esposta nel corso del biennio in prestigiose istituzioni di arte contemporanea, pubbliche o private, italiane e internazionali.

Artisti presenti in Archiginnasio:
Fabrizio Cotognini, Migranti (2019), Teatro Anatomico
Cuoghi Corsello, Maghi e Quadrupedi (2018), Primo Piano
Alberto Di Fabio
, Brain Stone (2016), Teatro Anatomico
Julia Krahn
, 33MM_Pixel (2019), Cortile
Katja Noppes
, Qui dunque non vi è più analogia, se non per caso? (2019), Cappella S. Maria Vergine dei Bulgari
Simone Pellegrini
, Devasti (2012), Cappella S. Maria Vergine dei Bulgari
Pietro Ruffo, Migrazioni (2018-2019), Cappella S. Maria Vergine dei Bulgari

Quando

Dal 1 al 9 Febbraio 2019
L'esposizione è visitabile negli orari di apertura del Palazzo.
Sabato 2 febbraio notte bianca di Art City apertura fino alle ore 21

Informazioni

Biblioteca dell'Archiginnasio

Fondazione Isabella Seràgnoli
Tel. 051 230462

Dove

Ingrandisci mappa

Biblioteche | Biblioteca dell'Archiginnasio

Piazza Galvani, 1
40124 Bologna
Bus 11, 13, 14, 19, 20, 25, 27, 29, 30,
fermata piazza Maggiore o via Rizzoli

Navetta A
fermata piazza Galvani